Questa non è musica leggerissima.

Parto per Ibiza, un tampone entro 72 ore e il brivido di sentirmi nuovamente LIBERA mi pervade la schiena. A chi importa se in quel lasso di tempo incontrerò millemila persone e sarò di li a poco covidizzata. Mezzo milione di posti di lavoro persi in Italia, il mondo in ginocchio ed io mi godo il sole e il mare. Respiro. Mi è parso di esser rinchiusa un’eternità, non so quando ho smesso di contare i tramonti che ho perso. Da questa spiaggia vedo le cose con estrema lucidità. No, la paura non ci tiene in vita, la paura ci uccide lentamente, giorno dopo giorno, s’insidia nelle nostre menti, fino a renderci succubi di una realtà alterata. Ho sorriso ripensando a fine gennaio 2020: avevo già riempito un’anta di ‘Billy’ di sole mascherine tra tanti ‘Tu sei ipocondriaca!’; o a quando rassicuravo conoscenti e amici dicendo: ‘Non è pensabile un #lockdown in democrazia, la Cina è una dittatura, non fa testo.’ Un anno dopo, un lunghissimo, interminabile, soffocante, anno dopo.. neghiamo ancora un’istruzione effettiva a milioni di giovani per la tutela dei ‘soggetti deboli’ (e non raccontatelo a mia nonna che vi risponderebbe ‘I genitori si sacrificano SEMPRE per i figli, il contrario è contronatura’), viviamo di amori confinati e ci sentiamo gangster ogni volta che mettiamo il naso fuori casa. Abbiam giustificato la più grande violazione dei diritti umani, arrivando perfino a togliere la gioia dagli occhi dei nostri stessi pargoli. Questo non è vivere, questo è solo NON MORIRE. 384 giorni dopo, quel patetico: ‘Andrà tutto bene’ abbiamo di nuovo: un assurdo passaporto vaccinale e un Presidente del Consiglio, che piace a tutti raccontano, ma che in realtà non piace proprio a nessuno. Sarebbe bastato concentrarsi sulla sanità per non ritrovarci nella medesima situazione dello scorso anno. Non siete stati in grado.. e non vi perdoneremo MAI. Qualsiasi sia il vostro sogno, al centro troverete SEMPRE la LIBERTA’, la stessa vita senza quest’ultima non avrebbe senso d’ESSERE. Ribellatevi, sempre, più che potete. S.

5 risposte a "Questa non è musica leggerissima."

  1. Buon viaggio, anche io vorrei essere ad Ibizia in questo momento. Io ormai sono stufa di questa situazione, ho fatto tanti sacrifici ma vedo troppa gente che ne frega e che non si giunge mai ad un miglioramento.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...